PUBALGIA: CAUSE E SOLUZIONI

giugno 17th, 2019 Posted by fisioterapia 0 thoughts on “PUBALGIA: CAUSE E SOLUZIONI”

La PUBALGIA è una problematica che affligge molti sportivi, spesso calciatori.

A questo nome si associano tutte le patologie che riguardano l’inguine e il pube, per questo motivo capire la vera causa ed impostare il trattamento più adeguato e mirato aiuta a risolvere il problema evitando fastidiose recidive.

CAUSE
Secondo gli studi, esistono ben 72 cause di pubalgia. In genere, però, questa sindrome dolorosa è provocata da un eccessivo sforzo dei muscoli adduttori della coscia e degli addominali combinati a microtraumi ripetuti, come ad esempio cambi repentini di direzione, torsioni, corsa, movimenti improvvisi e violenti tipici nei calciatori.
A volte possiamo avere pubalgia anche dovuta a: artrosi e dismetria di anca e arti inferiori, patologie della schiena, malattie infettive, disfunzioni uro-genitali, ernie inguinali.

SINTOMI
Il quadro clinico della pubalgia è caratterizzato da dolore e impotenza funzionale, si acutizza dopo il movimento e può compromettere anche le normali attività di vita quotidiana come camminare, vestirsi, salire e scendere le scale. Il dolore può irradiarsi lungo la coscia o l’addome, verso il perineo e gli organi genitali.

CURA
Una volta diagnosticata in modo corretto attraverso un’ attenta valutazione ed esame fisico (test clinici, valutazione computerizzata dinamica della postura ed eventualmente esami strumentali), la cura della pubalgia consiste in una prima fase di riposo dall’attività fisica che scatena i sintomi, eventuale terapia farmacologica e soprattutto da un programma fisioterapico personalizzato e specifico che generalmente consiste in:

  • terapia manuale coadiuvata dalla terapia fisica strumentale (Tecarterapia, Laserterapia ad alta potenza, Onde d’ urto, Kinesio Taping)
  • rinforzo sinergico della muscolatura addominale, adduttoria e lombare (core stability) per migliorare stabilità e controllo motorio
  • riabilitazione propriocettiva per stabilità ed equilibrio
  • esercizi per la coordinazione 
  • esercizi di release miofasciale
  • cammino e corsa su ALTER-G (tapis roulant antigravità)
  • rieducazione al gesto sport-specifico